La terapia familiare pone attenzione in modo privilegiato al sistema familiare e alle dinamiche che lo caratterizzano, per cui l’individuo viene considerato non come “isolato” ma all’interno del suo contesto relazionale di appartenenza, in primis quello familiare.

RUOLO DEL SISTEMA FAMILIARE

Ognuno di noi costruisce la propria identità a partire dalle esperienze e dalle relazioni significative che sperimenta fin dalla nascita e nel corso della propria vita. La famiglia ha un ruolo molto significativo rispetto alla trasmissione di valori, tradizioni, credenze e atteggiamenti che influenzano il nostro modo di essere.

La famiglia è però un sistema che non è “definito una volta per tutte” e immutabile, ma si trasforma in base agli eventi interni ed esterni che vive e a cui può far fronte in modo più o meno adattivo, con ricadute sui singoli membri. In questo senso il clima familiare ha influenza sul livello di benessere dei suoi componenti ed è influenzato a sua volta dal loro stato d’animo.

Ad esempio: in una famiglia con alto livello di conflittualità il clima di tensione può influenzare lo stato d’animo dei singoli membri e può a sua volta aumentare quando uno di loro sta attraversando un momento di disagio.

Quando un componente della famiglia o tutto il sistema entra in crisi può essere indicata una terapia familiare, dove l’attenzione è posta all’intero sistema in cui la persona che chiede aiuto è inserita e che può essere risorsa all’interno della terapia stessa.

PERCULIARITA’ E OBIETTIVI DELLA TERAPIA FAMILIARE

La terapia familiare si rivolge a quelle famiglie in cui un membro mostra un grave disagio e/o vi sono relazioni fortemente disfunzionali.

Prevede la collaborazione in seduta di tutta la famiglia, che è vista come risorsa utile per comprendere le origini della sofferenza che si manifesta attraverso il comportamento disturbato e per approfondire la storia familiare e le relazioni nel presente.

Il terapeuta può decidere di convocare l’intera famiglia o solo alcuni membri oppure alternare questi formati. Allo stesso modo all’interno di una terapia individuale è possibile svolgere degli “allargamenti”, ovvero convocare la famiglia del paziente o alcuni suoi componenti in sedute dedicate, qualora fosse necessario.

Gli obiettivi della terapia familiare sono:

Comprendere le origini relazionali della sofferenza del paziente alla luce della sua storia personale e familiare

Stimolare le risorse familiari per modificare le dinamiche disfunzionali che favoriscono l’emergere del disagio, costruendo nuovi modi di relazionarsi

Favorire la comunicazione e l’ascolto

Consentire l’espressione di pensieri e sentimenti congelati da tempo

Sperimentare interazioni differenti (ad esempio maggiore vicinanza)

La terapia familiare è particolarmente indicata quando:

Non è possibile lavorare con il singolo individuo da solo

Un membro della famiglia mostra un grave disagio (tossicodipendenza, anoressia…)

Di fronte a una psicopatologia importante di un familiare la seduta congiunta può aiutare gli altri, in particolare i bambini, ad esprimere pensieri e sentimenti sul problema

Emergono difficoltà evolutive da parte di bambini o adolescenti

Psicologa referente

Dott.ssa Nicoletta Bassani

bassani.nicoletta@gmail.com

Profilo
Condividi
Hide Buttons